Playlist

musicassette-idee-per-riciclo-creativo_f70f4e8c721fb85e54b1915422abd54f-k6VB-U10402754630869lHI-700x394@LaStampa.it

La costruzione di una playlist è sempre frustrante. Lo è tanto più il riascolto, quando l’emozione che si vive di fatto è quella – scialba – di una ripetizione attesa. Al contrario ascoltare una canzone per caso alla radio, canzone conosciuta ma che non avevamo considerato per l’ipotetica lista, o rivedere un film alla TV ignari del fatto che la programmazione l’avrebbe incluso, è un piacere più fino e soddisfacente. E questo ci dice in qualche misura che è più bello essere scelti che scegliere.

Non a caso l’essere scelti è un tema religioso. Nell’eventualità – vattelappesca – di una conversione, sarebbe Dio a scegliere voi, mai il contrario. Del resto, according to Pitagora, le sfere celesti nelle loro rivoluzioni produrrebbero musica.

Il punto è che di fronte al bello siamo già oltre la razionalità. È per questo che diffido della critica musicale. O meglio, non tanto della critica, se esiste, ma di chi con sprezzo vuol farti capire che è meglio ciò che ascolta lui, e ricorre alla nomenclatura di altri artisti come  pezze d’appoggio analogiche per far prevalere il proprio discorso. Una discussione musicale buona è quella dove può esservi solo accordo: si può affinare il gusto dell’ascoltatore ma non si può dare di meglio  di qualcosa che già, insospettabilmente, emoziona.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...